Potere Normativo

Cariche elettive


Definizioni:
Gli elettori
sono tutti gli iscritti certificati a Loquendum, maggiorenni e con grado di coinvolgimento definito nel regolamento elettorale vigente.Le circoscrizioni elettorali corrispondono alle nazioni con un numero di iscritti uguale o maggiore di 1 milione oppure all’unione di più nazioni con un numero di iscritti inferiore al milione.

Console massimo
Elezione: eletto dal consiglio dei dieci in carica.
Durata: un anno non rinnovabile.
Compiti: primus inter pares, rappresenta all’esterno e all’interno Loquendum, presiede i lavori del consiglio dei 10.

Console
Elezione: i consoli sonoeletti da tutti gli elettori iscritti da almeno due anni e mezzo. I consoli sono in numero di dieci
Durata: quattro anni con il limite massimo dei due mandati.
Compiti: fa parte del consiglio dei 10 e partecipa alle sue decisioni. Elegge il console massimo.

Edile
Elezione: l’elezione è su base circoscrizionale e partecipano tutti gli elettori iscritti da almeno un anno.
Le circoscrizioni con un numero di iscritti compreso tra 1 milione e 10 milioni eleggono 1 edile, quelle con numero di iscritti compreso tra 10 milioni e 50 milioni ne eleggono 3, le altre 5.
Durata: quattro anni con il limite massimo dei due mandati.
Compiti: f
a parte dell’assemblea degli edili e rappresenta gli iscritti della sua circoscrizione, ne raccoglie le richieste e si occupa di proporre all’assemblea degli edili nuovi servizi e modifiche ai servizi esistenti. È un tecnico e tra i suoi compiti c’è la sicurezza informatica del sistema.

Consiglio dei dieci

E’ composto dai consoli eletti, i suoi compiti sono:
a) stabilire se una nazione ha diritto ad avere la gestione di un server nazionale. Il diritto è dato da due elementi imprescindibili:

  1. La presenza di un ente, fondazione o università, (in ogni caso soggetto senza scopo di lucro), affidabile e competente che condivida senza alcuna riserva o obiezione i principi inderogabili di Loquendum;
  2. La tutela, da parte della nazione richiedente, del diritto di opinione ed espressione, che non sia retto da un regime dispotico o autoritario, che riconosca e accetti Loquendum, le sue regole e i suoi organi;

b) decidere la revoca di un server nazionale qualora quella nazione smetta di tutelare la libertà di espressione o non riconosca più gli organi e le regole di Loquendum. Con la revoca di un server nazionale i suoi dati vengono copiati e presi in carico da un server di una nazione vicina. L’intera operazione viene effettuata in modo da minimizzare i disagi agli iscritti. Il server soppresso viene distrutto e la nazione oggetto della revoca perde i soldi dell’iva sugli introiti pubblicitari che saranno affidati alla cassa comune;

c) decidere la revoca di un ente nazionale di gestione per incapacità o gravi infrazioni alla tutela dei dati affidati o alla tutela della libertà di opinione e di espressione degli utenti. La revoca implica semplicemente la nomina di un nuovo ente e non ha alcuna conseguenza sullo Stato ospitante;

d) autorizzare o meno le proposte di nuovi servizi o modifiche agli esistenti qualora siano in contrasto con i sacri principi. Il consiglio può proporre all’assemblea degli edili servizi nuovi o loro modifiche;

e) gestire le risorse comuni secondo quanto stabilito nei sacri principi;

f) interagire con i governi e con il sistema giudiziario delle varie nazioni, collaborare e autorizzare interventi anche urgenti per bloccare reati o fornire prove purché non si tratti di questioni che riguardino l’esclusiva competenza di Loquendum in quanto queste verranno gestiste esclusivamente dalla sua giustizia interna;

g) eleggere il console massimo tra i propri componenti e attribuire la carica onorifica di maestro a chi fosse ritenuto degno;

h) può sciogliere l’assemblea degli edili qualora la ritenesse indegna. Questa decisione necessita del voto unanime dei 10 e della maggioranza dell’assemblea dei maestri oppure di 8 consoli e 4/5 dell’assemblea dei maestri;

i) può rimuovere il singolo edile o maestro con voto unanime qualora questi si dimostri indegno della carica. La prerogativa può essere applicata solo 5 volte, superata questa soglia va applicata anche ai singoli la regola al punto h.

Assemblea degli edili

Riceve le proposte di modifica al sistema generale o le richieste di nuovi servizi e le approva, modifica o rigetta. È un organo tecnico e non entra nel merito della legittimità o meno delle proposte, ma si limita a giudicarne la realizzabilità dal punto di vista tecnico e la compatibilità con il sistema. Le proposte approvate vanno al consiglio dei 10 che ha potere di veto qualora siano in contrasto con i sacri principi.

Assemblea dei maestri

Pur non essendo un organo con poteri esecutivi, è comunque un’assemblea di personalità di riconosciuto spessore. A loro si chiede un parere, ma hanno l’autorevolezza per fare proposte migliorative oppure elevare critiche se non si rispettano i sacri principi su cui si basa Loquendum. Chi ha ricoperto la carica di console massimo fa parte di diritto dell’assemblea dei maestri. L’assemblea può chiedere a maggioranza di 2/3 la destituzione di un console al consiglio dei dieci adducendo fondati motivi. Per disporre la definitiva destituzione occorre un voto favorevole di 7 consoli.

Revoca del consiglio dei dieci

L’assemblea dei maestri insieme all’assemblea degli edili può con maggioranza dei 4/5 sciogliere il consiglio dei dieci e indire nuove elezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *